• Twitter: 140 caratteri tra live tweeting e chatbot

    In un momento di criticità aziendale Twitter si dimostra ancora una volta un social media di grande interesse e molto seguito a livello mondiale. Sono una fan attiva dall’aprile 2009 quando un amico, Enrico, mi ha invitata sulla piattaforma che in Italia era diffusa soprattutto tra i giornalisti e alcuni personaggi dello spettacolo. Chi apriva un account era visto un po’ come un pioniere.  Il meccanismo alla base del social era considerato complesso. L’idea di dover contenere i propri pensieri o commenti in 140 caratteri erano vista come una limitazione, abituati come eravamo a chiedere l’amicizia e a poterci esprimere liberamente su Facebook. La passione per l’uccellino blu è cresciuta e il live tweeting è diventata una ‘pratica’ molto diffusa.

    Nei giorni scorsi l’annuncio di un piano di ristrutturazione che porterà a ridurre la forza lavoro del 9% e a chiudere la sede milanese mi ha fatto riflettere e cercare di approfondire i servizi che nel tempo si sono evoluti. Sono passati alcuni anni dalla mia intervista per Seo-Academy su Buzz-marketing Italia, intervista dove già esprimevo la mia passione per i 140 caratteri.

    twitterConoscete la storia di Twitter? Ho letto che l’idea nacque un giorno mentre Jack Dorsey era al parco seduto sull’altalena e mangiando cibo messicano. Pensò ad un servizio che permettesse di comunicare con un ristretto numero di persone attraverso degli SMS. Non so se sia una leggenda, ma potete leggerlo su Wikipedia.

    ‘Il primo nome del progetto fu twttr, nome ispirato all’allora già fortunato Flickr ed ai 5 caratteri di lunghezza dei numeri brevi per l’invio degli SMS negli USA. Gli sviluppatori scelsero inizialmente il numero “10958” come codice breve per l’invio dei messaggi, numero che fu presto rimpiazzato dal più semplice “40404”. Lo sviluppo del progetto iniziò ufficialmente il 21 marzo 2006 quando Dorsey alle 21.50 PM (PST) pubblicò il primo Tweet: «just setting up my twttr»‘. Il social media ha goduto di una grande fortuna grazie al real time e alla diffusione che ha avuto negli ultimi 2-3 anni.

    Sempre su Wikipedia apprendiamo che ‘la popolarità di Twitter ha visto una svolta con l’edizione del 2007 del South by Southwest festival: nei giorni dell’evento l’uso di Twitter è triplicato passando da 20.000 ad oltre 60.000 Tweet al giorno. […] Alla fine di settembre 2013 Twitter ha superato 230 milioni di utenti attivi mensili.’ La crescita è stata continua fino ad arrivare ai 317 milioni di utenti, come riportato dall’azienda nella relazione del Q3 2016 con un aumento del 3% rispetto allo scorso anno.

    Grazie al real-time, che è una caratteristica fondamentale, il social media si è dimostrato di grande utilità sociale, ad esempio, in caso di catastrofi naturali come il terremoto, prima della nascita del Safety Check di Facebook e durante i tragici eventi di Parigi, mettendo in contatto persone che offrivano il loro aiuto e le loro case a chi scappava dai luoghi coinvolti nelle esplosioni.

    In campo politico è stato molto utilizzato per coinvolgere e creare proseliti. Pensiamo a Barack Obama che ha 70,3K di followers sull’account presidenziale. Anche durante le ultime elezioni americane ha ricoperto un ruolo di rilievo, tanto che leggiamo sul blog ufficiale di Twitter:

    People in the U.S. sent 1 billion Tweets about the election since the primary debates began in August of last year.

    Qualcuno obietterà che l’università di Oxford University ed in particolare il professor Philip Howard ha evidenziato, in base ad una ricerca, che ‘33% of pro-Trump traffic was driven by bots and highly automated accounts, compared to 22% for Clinton.’, sottolineando che è stato fatto largo uso di chatbot. Potete approfondire a questo link. Essendo utilizzato da moltissimi politici e giornalisti, Twitter era in prima linea.

    twitter2

    Quali sono oggi i principali utilizzi di Twitter? Eccone alcuni:

    • live tweeting durante gli eventi, tanto che i social media team sono sempre più chiamati a conversare e commentare gli eventi live. Dalle trasmissioni televisive, alle partite di calcio, ai convegni che coinvolgono influencers a livello internazionale, Twitter ricopre sempre un ruolo di spicco. Ricordate l’ultimo festival di Sanremo con il record dei 2,7 milioni di tweet?  Vedremo di seguito i risultati di un importante convegno appena concluso a Milano.
    • propaganda politica di numerosi partiti che dialogano con i simpatizzanti grazie al cinguettio.
    • live broadcast con Periscope, dando la possibilità di assistere a eventi, a dietro le quinte di sfilate, produzioni, corsi live, momenti particolari di un brand.
    • assistenza a clienti tramite i bot. Utilizzo non recente che, tuttavia, sta assumendo sempre più peso. Proprio Twitter ha segnalato due servizi da seguire: EvernoteHelp e PizzaHut.

    Ovviamente sono andata a curiosare e ho cercato di approfondire.  In merito a Evernote, l’atwitter5pp per prendere appunti e archiviare note, ho appreso sul sito che Twitter ha commentato la collaborazione con Sprout ed Evernote:

    ‘These features are designed to help businesses create rich, responsive, full-service experiences  that directly advance the work of customer service teams and open up new possibilities for how people engage with Businesses on Twitter’.

    I messaggi di benvenuto automatici ‘What brings you to @evernotehelps today?’ e le risposte sulla chat consentono al team di customer service una notevole velocità ed efficienza, evitando ripetizioni infinite e poco proficue.

    Oltre ad abbreviare i tempi rendono più soddisfacente l’esperienza del cliente che si sente subito accolto ed aiutato.

    Per quanto concerne invece il servizio di PizzaHut, l’utilizzo di Twitter DM consente di prenotare la pizza da ogni luogo ed in ogni momento. Non si parla più di ordinare soltanto una pizza, ma di una ‘ordering experience’.

    Su Sproutsocial.com potete approfondire i contenuti che performano meglio su Twitter: foto e video nativi che aumentano l’engagement e catturano l’attenzione dei followers. Bisogna, tuttavia, considerare che il social engagement è in ‘a continual communication cycle’ con il customer care e consentono di aumentare la vostra brand reputation, come potete vedere nel grafico sotto riportato (fonte: Sprout-Social-Guide-Twitter-Social-Customer-Care).

     

    Oltre al customer care l’utilizzo di punta è il live tweeting di eventi e di convegni nazionali ed internazionali. Come vi anticipavo recentemente ho analizzato le statistiche fornite da The Fool srlBanca Mediolanum relative al convegno World Business Forum che si è svolto a Milano l’8-9 novembre scorsi e sono veramente interessanti (5.106 tweet con 35 mio di impression). Per vedere l’infografica completa potete andare al link.

    twitter27

     

    Utilizzi innovativi si stanno facendo strada, basandosi sull’AI. Un caso è, ad esempio,  LnH AI, un “artificial intelligence based musical band”  che, leggiamo in un articolo di Wired.it,  ‘sfrutta l’Intelligenza Artificiale per creare brani — anche se sarebbe

    twitter4

    meglio chiamarle basi — considerando le richieste dell’utente, che arrivano tramite tweet.’  Se approfondiamo sul sito possiamo trovare alcuni esempi dedicati all’heavy metal, ma pare che si stia evolvendo anche in altri generi musicali quali il jazz e il blues.

    Per realizzare la base musicale basta inviare un tweet a @Inh_ai con un formato prestabilito come quello indicato sul sito e che leggete sotto:

    @lnh_ai Dancing robots /compose /g heavy-metal /t 160 /r 0.2

    LnH AI compone la canzone con il titolo ‘Dancing robots’, nel genere heavy metal e con il tempo indicato di 160 BPM come richiesto. Come precisato nell’articolo di Wired.it già citato, ‘trova una “seed track” utilizzando la programmazione neuro linguistica e il titolo fornito. LnH sfrutta modelli di deep learning per ciascun genere: utilizza questi modelli e un piccolo campione della traccia base per comporre una canzone.’

    Nuove e più consolidate applicazioni rendono la piattaforma sempre molto attuale ed interessante, nonostante il momento di confusione e di cambiamenti organizzativi che sta attraversando in questi ultimi mesi. Facciamo tutti i tifo per Twitter!

  • Identità e personal branding

    Quanto è importante l’identità di un’azienda o di un professionista? Scoprire la propria identità è un processo a volte complesso, perché bisogna capire esattamente i propri obiettivi, individuare le specificità, i punti di forza e di debolezza, i principali concorrenti nazionali ed internazionali, definire una strategia precisa in base al target di riferimento e scegliere il proprio tone of voice. Il tutto prima d’iniziare la creazione di un sito e di account sui social media. Sembra un’impresa impossibile. Spesso si parte in modo non coordinato, si aprono molti account sui social media, perché si deve essere presenti, si sperimenta senza una strategia precisa e degli obiettivi definiti e misurabili.

    Da consulenti ci capita di seguire delle startup ed è avvincente partecipare a questo processo di definizione d’identità. Negli ultimi mesi del 2015 ho seguito una start up come StorytellingITA e, mentre stavo lavorando al piano strategico dell’azienda, mi sono fermata a riflettere.

    startup-photos (1)

    Avevo bisogno di far luce sul mio brand personale. Da tempo sentivo l’esigenza di far chiarezza tra le mie varie identità social e professionali. Varie esperienze lavorative sono state fondamentali per la costruzione del mio essere ‘professionista’. La parola chiave ricorrente è sempre stata ‘marketing’ da internazionale a direct marketing a web a social media e attorno a questa Kw si è formata la mia anima. Dal marketing al commerciale come specialista di vendita e trainer e quattro anni fa è  nata la passione per la comunicazione narrativa e un percorso che mi ha condotto ad approfondire  i tools narrativi e le piattaforme di content marketing.

    Come migliorare il personal branding? Ho iniziato un percorso di crescita personale con l’obiettivo di definire meglio la mia strategia e chi mi sta seguendo in quest’evoluzione comprende appieno i dubbi e le difficoltà. Soffermiamoci sulla famosa frase di Tom Peters, guru del marketing americano, che spiega esattamente lo stato d’animo di quando si è in fase creativa.

    If you’re not confused, you’re not paying attention.

    Peters ha anche affermato nel lontano 1997 nel famoso articolo ‘The Brand called you‘:

    We are CEOs of our own companies: Me Inc. To be in business today, our most important job is to be head marketer for the brand called You.

    La fase introspettiva, a mio parere, è la più complessa, in quanto ti costringe a uscire dalla tua zona di comfort, a rompere gli schemi e guardarti da un’altra prospettiva. Comporta anche una certa sofferenza.

    Vediamo insieme gli steps, a mio parere, indispensabili per fare chiarezza:

    1. identificare esattamente la tua competenza e la tua offerta
    2. definire le tue attività e il mercato nel quale vuoi muoverti
    3. puntare sulla tua specificità, ossia su quello che ti rende unico
    4. capire quali benefici puoi dare ai tuoi clienti

    Per far questo puoi utilizzare il metodo Personal Branding Canvas ideato da Luigi Centenaro che trovo molto utile in qualsiasi momento della propria vita professionale.

    Nel momento in cui sei riuscito a rispondere a queste domande puoi procedere alla fase operativa. Nel mio caso personale i passi sono stati i seguenti:

    – uniformare l’immagine sui social media (foto e account);

    – ridefinire la strategia sui social media, ossia assegnare ad ogni social tematiche specifiche;

    – mettere ordine tra i contenuti, secondo la teoria dei tre scaffali: passato, presente e futuro (teoria appresa da Alice Avallone che mi sta seguendo nel percorso di strategia);

    – definire meglio il PED (piano editoriale digitale), prediligendo i contenuti originali e di qualità;

    – pianificare la creazione di un sito personale di tipo narrativo che raggruppi i contenuti sparsi sulle varie piattaforme e che spieghi l’identità;

    – puntare maggiormente sulla mia specificità. Come afferma Seth Godin, che ho avuto il piacere di ascoltare a novembre durante l’ultimo World Business Forum di Milano, la chiave del successo è quella di differenziarsi dagli altri con un elemento, una competenza, una caratteristica unica. Se volete approfondire vi consiglio il famosissimo libro ‘La mucca viola. Farsi notare (e fare fortuna) in un mondo tutto marrone‘.  Le 5 P del marketing di P.Kotler non bastano più, afferma Godin e all’elenco degli elementi che stanno alla

     

    alla base del marketing come: prodotto, prezzo, promozione, posizionamento, pubblicità, packaging, passaparola, permesso ha aggiunto una nuova “P”. ‘Purple Cow’, ossia la mucca viola, la cui essenza è la straordinarietà.

    Lo straordinario è ciò che emerge dal consueto, ciò che si fa notare e fa parlare di sé.

    Anche nel personal branding dobbiamo andare alla ricerca della mucca viola per distinguerci in un mondo tutto marrone.

  • Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

    Chiudi